Semafori a luci rosse: Pagine Gialle del sesso distribuite per strada senza autorizzazione


BARI – Uno studente universitario fuori sede è stato pizzicato da una pattuglia della polizia municipale mentre svolgeva il suo lavoretto per pagarsi l’affitto. Il giovine distribuiva agli automobilisti “opuscoli informativi” con foto di donnine mezze ignude in pose un tantinello equivoche, corredati dei relativi numeri di cellulare per contattarle.

Le oltre 1300 copie sequestrate dall’auto dello studente sono costate un bel multone all’amministratore della societa’ editrice di Roma che l’aveva ingaggiato, colpevole di non avere richiesto alcuna autorizzazione per effettuare il volantinaggio. Sono ovviamente partite le indagini per accertare ulteriori violazioni di natura penale.

Vergogna! Volantini pornografici distribuiti per strada… senza autorizzazione. Ma dove è finita la professionalità?

Stefano Chiarazzo

Comunicatore di impresa, formatore e consulente aziendale, blogger. Da 12 anni cura le pubbliche relazioni di grandi marche per una multinazionale del largo consumo. Nel 2011 ha avviato l’Osservatorio Social Vip, che studia i personaggi famosi italiani sui social media come fenomeno di comunicazione e di costume. I dati di popolarità su Facebook, Twitter e Instagram di più di 1000 celebrità dello spettacolo, dello sport, del giornalismo e della politica sono ripresi periodicamente dai media. Nel 2013 ha lanciato il Social Radio Lab, spazio di informazione, ricerca e condivisione sull’evoluzione della comunicazione radiofonica in collaborazione con le maggiori radio nazionali, le web radio di Spreaker e grandi manifestazioni come Festival del Giornalismo, Social Media Week e Festival delle Generazioni. Collabora con Wired e insegna marketing e comunicazione presso vari Master tra cui la Business School de Il Sole 24 Ore.

You may also like...

Lascia un commento