Lezioni di kamasutra per serate di coppia “bestiali”. Da uno zoo americano la proposta più strana per San Valentino

BATTLE CREEK (MICHIGAN, USA) – Si chiama “Zoorotica program” la soluzione per chi non ha ancora deciso cosa fare a San Valentino. A proporla è il Binder Park Zoo, che ha organizzato specialissime visite guidate per vedere gli animali che si accoppiano. Un programma “educational” per osservare come le varie specie si corteggiano e si riproducono.

Secondo il direttore dello zoo una giornata all’insegna del voyeurismo animale “potrebbe essere fonte d’ispirazione per tutti i fidanzati che verranno a farci visita e magari potrà servir loro per sperimentare nuove tecniche e dare nuova linfa a qualche rapporto di coppia un po’ logoro”.

Altissima l’adesione da parte dei guardoni di tutto il Michigan, tanto che l’ufficio stampa ha presto comunicato che le visite guidate sono sold out. Ma se passate per Battle Creek e non avete fatto in tempo a prenotare, non preoccupatevi. Potete farvi inserire in lista d’attesa!

E se rimanete a casa, ecco un video dall’altissimo contenuto “zoorotico”! Boh, a me non ha ispirato molto…

Stefano Chiarazzo

Comunicatore di impresa, formatore e consulente aziendale, blogger. Da 12 anni cura le pubbliche relazioni di grandi marche per una multinazionale del largo consumo. Nel 2011 ha avviato l’Osservatorio Social Vip, che studia i personaggi famosi italiani sui social media come fenomeno di comunicazione e di costume. I dati di popolarità su Facebook, Twitter e Instagram di più di 1000 celebrità dello spettacolo, dello sport, del giornalismo e della politica sono ripresi periodicamente dai media. Nel 2013 ha lanciato il Social Radio Lab, spazio di informazione, ricerca e condivisione sull’evoluzione della comunicazione radiofonica in collaborazione con le maggiori radio nazionali, le web radio di Spreaker e grandi manifestazioni come Festival del Giornalismo, Social Media Week e Festival delle Generazioni. Collabora con Wired e insegna marketing e comunicazione presso vari Master tra cui la Business School de Il Sole 24 Ore.

You may also like...

Lascia un commento