Una puzzetta durante un consiglio comunale innesca una risata collettiva. Consiglio interrotto e il video fa’ il giro del mondo

MEDINA (OHIO, USA) – Momento imbarazzantissimo durante un consiglio comunale.
Dopo aver cercato di trattenersi meglio che poteva, il sindaco Jane Leaver si è lasciata andare a un ambo di peti che ha innescato un irrefrenabile e contagiosa risata tra i membri del consiglio comunale. Tutto ciò ha reso impossibile continuare e la seduta è stata aggiornata.

Sarà vero o è una simpatica burla?
Su internet si è aperto un gran dibattito.

I “romantici” affermano con candida fede che l’episodio è assolutamente reale. D’altronde non importa chi sei, dove sei o cosa stai facendo… ti può scappare a prescindere!

I “tecnologici” puntano invece il dito su iFart Mobile, applicazione per iPhone che riproduce il suono delle puzzette. Qualche collega del sindaco avrebbe pertanto fatto partire il suono proprio mentre il sindaco parlava!

Per come la vedo io, che si vera o no, una improvvisa, naturale e sonora scoreggia ha un effetto comico assicurato!

Stefano Chiarazzo

Comunicatore di impresa, formatore e consulente aziendale, blogger. Da 12 anni cura le pubbliche relazioni di grandi marche per una multinazionale del largo consumo. Nel 2011 ha avviato l’Osservatorio Social Vip, che studia i personaggi famosi italiani sui social media come fenomeno di comunicazione e di costume. I dati di popolarità su Facebook, Twitter e Instagram di più di 1000 celebrità dello spettacolo, dello sport, del giornalismo e della politica sono ripresi periodicamente dai media. Nel 2013 ha lanciato il Social Radio Lab, spazio di informazione, ricerca e condivisione sull’evoluzione della comunicazione radiofonica in collaborazione con le maggiori radio nazionali, le web radio di Spreaker e grandi manifestazioni come Festival del Giornalismo, Social Media Week e Festival delle Generazioni. Collabora con Wired e insegna marketing e comunicazione presso vari Master tra cui la Business School de Il Sole 24 Ore.

You may also like...

Lascia un commento