Vuoi evitare di invecchiare come tua madre? Portala dal chirurgo estetico!

Sempre piu’ ragazze di 25-30 anni, all’insorgere delle prime rughe, si preoccupano di invecchiare velocemente e per questo si sottopongono a piccoli interventi chirurgici o trattamenti di medicina estetica per prevenire l’invecchiamento del viso e ritardare la formazione di rughe.

“Oh, chirurgo estetico delle mie brame, come faccio a rimanere la donna con la pelle più giovane del reame?” “Vieni accompagnata dalla mamma e ti confiderò il segreto per rimanere bella a lungo…”

Da sempre le madri accompagnavano le figlie dal medico per un supporto morale, caso emblematico la prima volta dal ginecologo. Secondo Giulio Basoccu, chirurgo estetico e docente all’Universita’ Sapienza di Roma, sarebbe oggi una tendenza sempre piu’ diffusa in Italia che le mamme accompagnino le figlie anche da lui e colleghi per un consulto.

In questo caso non è per farsi forza bensì per evitare di invecchiare come lei!
La pelle invecchia infatti per due motivi principali:
stress provocato da agenti esterni,
bagaglio genetico.

Studiando la pelle della mamma di una trentenne si può quindi effettuare una previsione attendibile dell’invecchiamento della sua pelle, prevenendo eventuali danni. In base alle caratteristiche della pelle della madre ed alla conformazione del suo viso il chirurgo estetico mette giù un piano strategico perchè la figlia… invecchi meglio della mamma!

Una curiosa scoperta che avvalorerebbe il luogo comune “Guarda la madre della tua partner e scoprirai come sarà fra vent’anni”!

Vedi anche:
Al nono intervento Sheila ha esaudito il suo più “grande” desiderio: un seno da Guinness dei primati
Chissà come sarà la madre di Sheila!

Stefano Chiarazzo

Comunicatore di impresa, formatore e consulente aziendale, blogger. Da 12 anni cura le pubbliche relazioni di grandi marche per una multinazionale del largo consumo. Nel 2011 ha avviato l’Osservatorio Social Vip, che studia i personaggi famosi italiani sui social media come fenomeno di comunicazione e di costume. I dati di popolarità su Facebook, Twitter e Instagram di più di 1000 celebrità dello spettacolo, dello sport, del giornalismo e della politica sono ripresi periodicamente dai media. Nel 2013 ha lanciato il Social Radio Lab, spazio di informazione, ricerca e condivisione sull’evoluzione della comunicazione radiofonica in collaborazione con le maggiori radio nazionali, le web radio di Spreaker e grandi manifestazioni come Festival del Giornalismo, Social Media Week e Festival delle Generazioni. Collabora con Wired e insegna marketing e comunicazione presso vari Master tra cui la Business School de Il Sole 24 Ore.

You may also like...

Lascia un commento