Marco Carta scelto da Michael Jackson per aprire i suoi ultimi concerti a Londra. Scherzo d’aprile by TG Com?

Un inizio “tra amici”
Parrucchiere nel salone di famiglia ma sempre col pensiero rivolto alla musica, dopo ben 4 tentativi falliti riesce infine a partecipare all’edizione 2007/2008 di “Amici” di Maria De Filippi, e a vincerla a mani basse insieme a 300.000 euri sonanti e un contratto in esclusiva con la Warner Music.

Lascia o raddoppia?
Senza perdere tempo si fionda sul parco dell’Ariston partecipando al 59° Festival di Sanremo nella categoria Artisti, dato che “per colpa” dei troppi dischi venduti non poteva iscriversi nelle Nuove proposte. Con “La forza mia”, scritta da Paolo Carta, produttore, chitarrista e compagno di Laura Pausini, vince anche qui senza alcun riguardo nei confronti di mostri storici o cantanti più al centro dell’attenzione dei media come Povia.

Scudiero di “the king of pop”
Secondo “The Seawolf of music”, sito-cult per gli appassionati di musica, il famoso produttore William Shark avrebbe fatto ascoltare a Michael Jackson “Ti rincontrerò” e “La forza mia” e vedere la sua esibizione a Sanremo. E il “divo plastificato”, entusiasta della voce di Marco e del modo in cui “Sguscia sul palco come un’anguilla”, l’avrebbe voluto per aprire i concerti a Londra, che Jacko ha annunciato saranno gli ultimi della sua carriera nella capitale inglese.


Scherzo d’aprile?
La notizia è apparsa oggi su TG Com ma, facendomi un giro su Google non ne ho trovato traccia sui siti stranieri. http://www.seawolfmusic.com/ è inoltre il sito di un gruppo musicale che vende online!

Oh king, ma sei proprio sicuro?
Se fosse vero chissà se, tra i vari video, Michael ha visto anche la parodia a “Quelli che il calcio” con cui i mitici

Fratelli Sberlicchio

hanno spiegato il “reale” motivo del successo del cantante sardo a Sanremo (si vocifera che i parenti abbiano comprato i voti!).

Stefano Chiarazzo

Comunicatore di impresa, formatore e consulente aziendale, blogger. Da 12 anni cura le pubbliche relazioni di grandi marche per una multinazionale del largo consumo. Nel 2011 ha avviato l’Osservatorio Social Vip, che studia i personaggi famosi italiani sui social media come fenomeno di comunicazione e di costume. I dati di popolarità su Facebook, Twitter e Instagram di più di 1000 celebrità dello spettacolo, dello sport, del giornalismo e della politica sono ripresi periodicamente dai media. Nel 2013 ha lanciato il Social Radio Lab, spazio di informazione, ricerca e condivisione sull’evoluzione della comunicazione radiofonica in collaborazione con le maggiori radio nazionali, le web radio di Spreaker e grandi manifestazioni come Festival del Giornalismo, Social Media Week e Festival delle Generazioni. Collabora con Wired e insegna marketing e comunicazione presso vari Master tra cui la Business School de Il Sole 24 Ore.

You may also like...

Lascia un commento