Dopo l’assalto al Big Ben un gruppo di ragazzi italiani ricopre il Colosseo di casse giganti e poi grida “Mi sentite?”. Ecco cosa c’è dietro

Vi ricordate il video del gruppo punk che si arrampicava sul Big Ben addobbandolo di casse, per poi urlare “Can you hear me?” agli allibiti londinesi?

Ebbene, pare che lo stesso colpaccio sia stato messo a segno anche da un altro gruppo di ragazzi. Ma questa volta il monumento assaltato è niente e popò di meno che uno dei nostri simboli nazionali: il Colosseo!

[youtube=http://www.youtube.com/watch?v=sfYzetzG4D4]

Nel primo caso avevamo il dubbio che fosse un messaggio al Parlamento, che siede esattamente sotto la torre. Ma in questo caso con chi ce l’hanno? Col Governo? No, dai, impossibile!

Inutile scervellarsi. Ieri è stato svelato l’arcano!

Dietro entrambi i video virali, che circolavano da qualche settimana su YouTube, c’è lo zampino della Commissione Europea e di MTV Europe, che si sono uniti per sensibilizzare i giovani sull’importanza di esprimere la loro volontà, votando alle elezioni del Parlamento europeo di giugno.

Sul sito www.caneuhearme.eu i ragazzi di tutta Europa potranno raccontare all’Unione Europea chi sono e quali sono i loro sogni, preoccupazioni e ideali, e inviare a Bruxelles le loro richieste e obiezioni. Il tutto grazie ad una piattaforma al passo coi tempi, che si appoggia sul social network del momento: Twitter.

E da qualche giorno i tre video virali (ce n’é anche uno ambientato a Parigi) sono in onda in tutta Europa sui canali MTV, per incoraggiare i giovani di tutta l’Unione europea ad esprimersi, a far sentire la loro voce e ad unirsi al grido “Can you hear me”. Urlo che diventerà reale il 30 aprile alle ore 15.30, quando i giovani si raduneranno nelle piazze di Berlino, Milano, Praga e altre città europee per gridare “Can you hear me Europe?”

Siamo stracontenti di questa iniziativa che speriamo aiuti a riavvicinarci alla politica. Per quanto possiamo essere sfiduciati del governo di turno, il voto è un nostro diritto. Usiamolo!

Stefano Chiarazzo

Comunicatore di impresa, formatore e consulente aziendale, blogger. Da 12 anni cura le pubbliche relazioni di grandi marche per una multinazionale del largo consumo. Nel 2011 ha avviato l’Osservatorio Social Vip, che studia i personaggi famosi italiani sui social media come fenomeno di comunicazione e di costume. I dati di popolarità su Facebook, Twitter e Instagram di più di 1000 celebrità dello spettacolo, dello sport, del giornalismo e della politica sono ripresi periodicamente dai media. Nel 2013 ha lanciato il Social Radio Lab, spazio di informazione, ricerca e condivisione sull’evoluzione della comunicazione radiofonica in collaborazione con le maggiori radio nazionali, le web radio di Spreaker e grandi manifestazioni come Festival del Giornalismo, Social Media Week e Festival delle Generazioni. Collabora con Wired e insegna marketing e comunicazione presso vari Master tra cui la Business School de Il Sole 24 Ore.

You may also like...

Lascia un commento