Guinness dei Primati. Si riapre la sfida a Bao Xishun per il titolo di uomo più alto del mondo

L’attuale detentore del titolo
Dal 2006 Bao Xishun, detto l’albero, è l’uomo più alto del mondo con 2 metri e 36 centimetri.

L’incontro con l’uomo più basso del mondo
Nel 2007 ha stretto la mano all’uomo più basso del mondo, che arrivava a stento a sfiorargli le ginocchia. L’allora diciannovenne He Pingping è alto 74,61 centimetri. Ecco il video:


Il salvataggio
Nel 2006 Xishun ha salvato due delfini grazie alle sue braccia, incredibilmente lunghe, che gli hanno permesso di raggiungere il loro stomaco ed estrarre i pezzi di plastica che li stavano uccidendo.

Una strana famiglia
A ottobre Bao Xishun è diventato papà di un maschietto lungo “soli” 56 centimetri (per 4,2 chilogrammi). Nessun record in questo caso, dato che il bebè più “alto” mai nato era lungo ben 75 centimetri. Strano ma vero, la mamma Xia Shunjuan è alta 1,68 metri: quasi 70 centimetri in meno del marito!

Il rischio scampato
L’ucraino Leonid Ivanovyc Stanyk, nell’edizione 2007 del Guinness, aveva dichiarato un’altezza di 2 metri e 57 ma fu estromesso dalla competizione per essersi rifiutato di sottoporsi alle misurazioni previste dal nuovo regolamento.

La nuova sfida
Il cinese Zhao Liang, 27 anni, afferma di essere 10 centimetri più alto. Di certo basso non è, visto che qualche tempo fa’ ha fatto vedere i sorci verdi agli infermieri dell’ospedale dove era stato ricoverato per un’operazione al piede sinistro, che non aveva un letto in grado di accoglierlo. Per accoglierlo, hanno dovuto unirne due normali!

Stefano Chiarazzo

Comunicatore di impresa, formatore e consulente aziendale, blogger. Da 12 anni cura le pubbliche relazioni di grandi marche per una multinazionale del largo consumo. Nel 2011 ha avviato l’Osservatorio Social Vip, che studia i personaggi famosi italiani sui social media come fenomeno di comunicazione e di costume. I dati di popolarità su Facebook, Twitter e Instagram di più di 1000 celebrità dello spettacolo, dello sport, del giornalismo e della politica sono ripresi periodicamente dai media. Nel 2013 ha lanciato il Social Radio Lab, spazio di informazione, ricerca e condivisione sull’evoluzione della comunicazione radiofonica in collaborazione con le maggiori radio nazionali, le web radio di Spreaker e grandi manifestazioni come Festival del Giornalismo, Social Media Week e Festival delle Generazioni. Collabora con Wired e insegna marketing e comunicazione presso vari Master tra cui la Business School de Il Sole 24 Ore.

You may also like...

Lascia un commento