190 ore di coda all’anno negli uffici pubblici. E se non sei italiano il tempo raddoppia!

Che l’Italia sia un paese burocratico non c’è ombra di dubbio. Quante volte ci siamo chiesti: “Ma quante ore ho buttato inutilmente tra file e attese negli uffici pubblici?”. Ebbene oggi la risposta ci arriva dal Patronato Inac-Cia.

Ogni italiano passa in media 190 ore l’anno in coda per espletare le mille formalità burocratico-amministrative! Il tempo quasi raddoppia per gli extracomunitari che vivono nel nostro paese.

Attenzione però:
– circa il 73% degli italiani e il 95% degli stranieri non conosce il ruolo e i servizi offerti dai patronati;
– il 59% ignora leggi e norme pensionistiche, previdenziali e assistenziali;
– il 65% si affida al passaparola per il disbrigo delle pratiche.

L’Inac ha annunciato che il 9 maggio scenderà nelle piazze di tutte le province italiane con lo slogan ”C’e’ differenza tra sapere e non sapere: fare domande, avere risposte”, offrendo a tutti informazioni e spiegazioni su materie quali pensioni e sicurezza sul lavoro.

Quindi sabato prossimo tutti in piazza, per evitare di cadere in errori che sconteremmo sul nostro conto corrente… o in altre file interminabili!

Stefano Chiarazzo

Comunicatore di impresa, formatore e consulente aziendale, blogger. Da 12 anni cura le pubbliche relazioni di grandi marche per una multinazionale del largo consumo. Nel 2011 ha avviato l’Osservatorio Social Vip, che studia i personaggi famosi italiani sui social media come fenomeno di comunicazione e di costume. I dati di popolarità su Facebook, Twitter e Instagram di più di 1000 celebrità dello spettacolo, dello sport, del giornalismo e della politica sono ripresi periodicamente dai media. Nel 2013 ha lanciato il Social Radio Lab, spazio di informazione, ricerca e condivisione sull’evoluzione della comunicazione radiofonica in collaborazione con le maggiori radio nazionali, le web radio di Spreaker e grandi manifestazioni come Festival del Giornalismo, Social Media Week e Festival delle Generazioni. Collabora con Wired e insegna marketing e comunicazione presso vari Master tra cui la Business School de Il Sole 24 Ore.

You may also like...

Lascia un commento