Primi segni di demenza a 30 anni? Forse hai bevuto troppo! E se sei donna rischi di più

LONDRA (REGNO UNITO) – Quando si alza troppo il gomito ci si dice “povero fegato”. In realtà “povero” non sarebbe solo il fegato ma anche il cervello!

Secondo la ricerca del Maudsley Hospital, pubblicata sulla rivista “Alcohol and Alcoholism”, tra il 10% e il 24% degli oltre 700.000 casi di demenza in Gran Bretagna, Alzheimer incluso, sarebbe dovuto all’abuso di alcol.

E la demenza non riguarda solo gli over 65. I ricercatori guidati da Jane Marshall, hanno infatti osservato che piu’ si inizia presto con i drink, prima la memoria comincia a perder colpi e prima insorgono problemi cognitivi!

Le donne, poi, metabolizzano l’alcol con maggiori effetti tossici su cervello e organismo rispetto agli uomini. Per questo, a parità di alcol ingerito, una donna può sviluppare complicanze ben più gravi.

Insomma, attenzione a bere troppo… ma senza esagerare!
Vi consigliamo infatti di rileggere questo post: Vino rosso e dieta mediterranea. Semplici regole alimentari per accendere il desiderio sessuale

Stefano Chiarazzo

Comunicatore di impresa, formatore e consulente aziendale, blogger. Da 12 anni cura le pubbliche relazioni di grandi marche per una multinazionale del largo consumo. Nel 2011 ha avviato l’Osservatorio Social Vip, che studia i personaggi famosi italiani sui social media come fenomeno di comunicazione e di costume. I dati di popolarità su Facebook, Twitter e Instagram di più di 1000 celebrità dello spettacolo, dello sport, del giornalismo e della politica sono ripresi periodicamente dai media. Nel 2013 ha lanciato il Social Radio Lab, spazio di informazione, ricerca e condivisione sull’evoluzione della comunicazione radiofonica in collaborazione con le maggiori radio nazionali, le web radio di Spreaker e grandi manifestazioni come Festival del Giornalismo, Social Media Week e Festival delle Generazioni. Collabora con Wired e insegna marketing e comunicazione presso vari Master tra cui la Business School de Il Sole 24 Ore.

You may also like...

Lascia un commento