Millvina Dean, ultima sopravvissuta del Titanic, soccorsa da Leonardo di Caprio, Kate Winslet e il regista James Cameron

Millvina Dean è l’ultima sopravvissuta del Titanic. Dopo essersi rotta il femore nel 2006 è ridotta sulla sedia a rotelle e vive in una casa di riposo a Southampton in Gran Bretagna, la città portuale da cui era partito il transatlantico.

Non potendo più permettersi di pagare la retta, in ottobre aveva venduto parecchi cimeli del Titanic ma ciò non è bastato. Il fotografo Don Mullan le è quindi corso in aiuto lanciando un appello sull’Irish Independent… ed è scattata la magia di Hollywood!

Leonardo di Caprio, Kate Winslet e il regista James Cameron hanno infatti contribuito a un fondo da 30 mila dollari per la survivor, qui in un video su You Tube:

Nata il 2 febbraio del 1912, aveva solo due mesi quando avvenne il disastro. Il suo sogno è vivere fino a festeggiare il centesimo anniversario del più famoso naufragio della storia, che colo a picco il 14 aprile 1912.

Mancano quindi meno di tre anni al centenario (e al suo centesimo compleanno!)… ce la farà la vecchietta a festeggiare il doppio evento?

Stefano Chiarazzo

Comunicatore di impresa, formatore e consulente aziendale, blogger. Da 12 anni cura le pubbliche relazioni di grandi marche per una multinazionale del largo consumo. Nel 2011 ha avviato l’Osservatorio Social Vip, che studia i personaggi famosi italiani sui social media come fenomeno di comunicazione e di costume. I dati di popolarità su Facebook, Twitter e Instagram di più di 1000 celebrità dello spettacolo, dello sport, del giornalismo e della politica sono ripresi periodicamente dai media. Nel 2013 ha lanciato il Social Radio Lab, spazio di informazione, ricerca e condivisione sull’evoluzione della comunicazione radiofonica in collaborazione con le maggiori radio nazionali, le web radio di Spreaker e grandi manifestazioni come Festival del Giornalismo, Social Media Week e Festival delle Generazioni. Collabora con Wired e insegna marketing e comunicazione presso vari Master tra cui la Business School de Il Sole 24 Ore.

You may also like...

Lascia un commento