Silvio Berlusconi spiega la stagione no del Milan. Carlo Ancelotti non ha ascoltato i suoi consigli tattici

Che la stagione del Milan sia stata fallimentare è sotto gli occhi di tutti, visto che il miglior risultato è stato il terzo posto in campionato raggiunto per il rotto della cuffia. Una stagione mediocre che arriva insieme al quarto scudetto consecutivo dei cugini dell’Inter, che ancora festeggiano dall’altra parte del Naviglio.

Ma come mai una squadra così blasonata, con campioni e giovani promesse del calibro di Ronaldinho e Pato è andata così male? E’ normale che per rimpinguare le casse si debba anche solo parlare di un Kakà al Real Madrid? Persino Capitan Maldini ha deciso di appendere le scarpe al chiodo pur di mettere fine all’agonia!

Ebbene, il perché di questo insuccesso arriva dal Cavaliere Silvio Berlusconi in un’intervista su Canale 5. La colpa è dell’allenatore che non ha seguito i suoi consigli!

“In questa stagione il Milan non ha giocato con la tattica suggerita dal suo presidente… ex presidente”, ha dichiarato correggendo il lapsus il “non proprio così ex” presidente del club rossonero. “Lo ha fatto solo nell’ultima partita che ci ha permesso di conquistare la Champions. Sono state perse partite negli ultimi minuti in cui la squadra non ha giocato come io avevo consigliato”.

A questo punto ci si chiede: Carlo Ancelotti ha scelto di andare al Chelsea o sconterà la sua pena in esilio?

Stefano Chiarazzo

Comunicatore di impresa, formatore e consulente aziendale, blogger. Da 12 anni cura le pubbliche relazioni di grandi marche per una multinazionale del largo consumo. Nel 2011 ha avviato l’Osservatorio Social Vip, che studia i personaggi famosi italiani sui social media come fenomeno di comunicazione e di costume. I dati di popolarità su Facebook, Twitter e Instagram di più di 1000 celebrità dello spettacolo, dello sport, del giornalismo e della politica sono ripresi periodicamente dai media. Nel 2013 ha lanciato il Social Radio Lab, spazio di informazione, ricerca e condivisione sull’evoluzione della comunicazione radiofonica in collaborazione con le maggiori radio nazionali, le web radio di Spreaker e grandi manifestazioni come Festival del Giornalismo, Social Media Week e Festival delle Generazioni. Collabora con Wired e insegna marketing e comunicazione presso vari Master tra cui la Business School de Il Sole 24 Ore.

You may also like...

Lascia un commento