Elezioni Europee. Berlusconi, Sassoli e Borsellino i più votati. Ma alle amministrative c’è chi li batte vincendo con il 100% dei voti

Partito che vince. Partito che perde. Le Elezioni Europee 2009 sono ricche di nomi celebri sia nelle file dei vincitori che dei delusi. E nonostante principi, veline, politici riciclati e ex calciatori il vero pubblico delirio arriva dalle Elezioni Amministrative. Scopriamolo insieme.

I 5 PIU’ VOTATI
1. Silvio Berlusconi (PDL) con 2.706.791 preferenze
2. David Sassoli (PD) con 400.502
3. Rita Borsellino (PD) con 229.981
4. Ignazio La Russa (PDL) con 223.428
5. Raffaele Lombardo (MPA) con 200.608

GLI EURO(STAR) PARLAMENTARI
Clemente Mastella
, che esce dalla finestra e rientra dal portone
Ciriaco De Mita (UDC), il redivivo mostro sacro della Democrazia Cristiana
Gabriele Albertini (PDL), ex sindaco di Milano “ridotto in mutande” da Valentino
Magdi Allam (UDC), giornalista e scrittore di origine egiziana
Debora Serracchiani, giovane promessa scoperta per caso dai vertici del PD durante una riunione con i circoli del partito
Barbara Matera e Lara Comi, due delle Veline definite “ciarpame” da Veronica Lario. Anzi scusate, Barbara era una letteronza!

GLI EURODELUSI
Emanuele Filiberto di Savoia (UDC), principe ballerino che non ha bissato il successo di “Ballando con le stelle”
Gianni Rivera (UDC), ex calciatore e, a questo punto, ufficialmente ex Europarlamentare
Margherita Hack (Rifondazione e Comunisti Italiani), astrofisica da sempre attiva in campo sociale e politico
Vittorio Sgarbi, critico d’arte e sindaco di Salemi, e Luciano Garofano, comandate dei Ris di Parma, entrambi candidato con la coalizione Mpa-La Destra-Pensionati-Alleanza di centro

E ALLE AMMINISTRATIVE?
Ripetendo la prodezza del 2004 Mario Sassi (Lista civica Stretta di Mano) ha conquistato la poltrona di sindaco di Grondona, comune con 485 elettori in provincia di Alessandria, con il 100% dei voti. Piccolo particolare: era l’unico candidato!
Sassi ha ottenuto 299 voti ma, per onor di cronaca, va sottolineato che non proprio tutti erano convinti che fosse l’uomo giusto. In 34 hanno infatti lasciato la scheda bianca mentre 14 l’hanno resa nulla.

Stefano Chiarazzo

Comunicatore di impresa, formatore e consulente aziendale, blogger. Da 12 anni cura le pubbliche relazioni di grandi marche per una multinazionale del largo consumo. Nel 2011 ha avviato l’Osservatorio Social Vip, che studia i personaggi famosi italiani sui social media come fenomeno di comunicazione e di costume. I dati di popolarità su Facebook, Twitter e Instagram di più di 1000 celebrità dello spettacolo, dello sport, del giornalismo e della politica sono ripresi periodicamente dai media. Nel 2013 ha lanciato il Social Radio Lab, spazio di informazione, ricerca e condivisione sull’evoluzione della comunicazione radiofonica in collaborazione con le maggiori radio nazionali, le web radio di Spreaker e grandi manifestazioni come Festival del Giornalismo, Social Media Week e Festival delle Generazioni. Collabora con Wired e insegna marketing e comunicazione presso vari Master tra cui la Business School de Il Sole 24 Ore.

You may also like...

Lascia un commento