Arrestata Valeria K, la vedova nera. Attratte le vittime nella tela, le drogava e operava violenze e abusi sessuali

Sembra una storia tratta da un film sexy-horror anni 70, e invece è tutto vero.

Dopo mesi di indagini è stata arrestata a Tambov – città a 480 km a sud-est di Mosca – Valeria K., una studentessa universitaria 32enne. Un tantinello fuori corso, è vero. Ma il motivo di una così lunga “carriera universitaria” è presto spiegato.

La maggior preoccupazione dell’attraente studentessa non era studiare, bensì rimorchiare nei locali uomini tra i 25 e i 35 anni e portarli a casa sua. E fin qui tutto bene.

Dopo averli messi a proprio agio, offriva loro una bevanda alcolica a cui aggiungeva una droga o un potente sonnifero. Una volta addormentati si accaniva su di loro liberando le sue più recondite fantasie sessuali, che scaturivano in abusi e violenze di vario tipo.

La tecnica è la stessa della vedova nera, il ragno velenoso per eccellenza. Ed effettivamente, secondo le vittime, Valeria sarebbe una fanatica di film dell’orrore, e collezionista di ragni e altri tipi di insetti. Per questo i media russi l’hanno soprannominata “donna ragno”.

Valeria, descritta come una donna bruna e molto attraente, attirava il maschio nella sua tela e, dopo averlo addormentato, si scatenava. E pare che avesse parecchio successo, visto che la lista include almeno dieci uomini!

Va bene, ma cosa faceva alle vittime? Quello che le andava. I casi peggiori sono quelli del 29enne Denis F. a cui ha tagliuzzato il pene e di Ayrtom Z., 32 anni, a cui ha strappato i testicoli con una pinza! Ahia!!

Le vittime, al risveglio non devono essere state molto contente del trattamento, essendo poi costretti a periodi più o meno lunghi di degenza in ospedale. Uno è addirittura stato costretto ad annullare le imminenti nozze.

Ma non tutti hanno voluto sporgere denuncia. Un uomo avrebbe infatti commentato così il suo appuntamento con la mutilatrice seriale: “Che donna eccitante… E’stato bellissimo!”.

Grazie al super-inviato Luciano per questa macabra segnalazione!

Stefano Chiarazzo

Comunicatore di impresa, formatore e consulente aziendale, blogger. Da 12 anni cura le pubbliche relazioni di grandi marche per una multinazionale del largo consumo. Nel 2011 ha avviato l’Osservatorio Social Vip, che studia i personaggi famosi italiani sui social media come fenomeno di comunicazione e di costume. I dati di popolarità su Facebook, Twitter e Instagram di più di 1000 celebrità dello spettacolo, dello sport, del giornalismo e della politica sono ripresi periodicamente dai media. Nel 2013 ha lanciato il Social Radio Lab, spazio di informazione, ricerca e condivisione sull’evoluzione della comunicazione radiofonica in collaborazione con le maggiori radio nazionali, le web radio di Spreaker e grandi manifestazioni come Festival del Giornalismo, Social Media Week e Festival delle Generazioni. Collabora con Wired e insegna marketing e comunicazione presso vari Master tra cui la Business School de Il Sole 24 Ore.

You may also like...

Lascia un commento