Può un maiale intendersi di gioielli? Provate a chiedere a Anne Moon, pensionata britannica che si è vista rubare un diamante da una scrofa!

Ma porca di quella porca… uno non può stare tranquillo neanche in campagna? No cari. Si perchè a volte basta un maiale qualunque a trascinare il tuo umore… nel fango!

Lo sa bene Anne Moon, pensionata di Sowerby (Gran Bretagna), che un giorno decide di andare bella bella con marito e nipoti a visitare una fattoria.

Bellissima giornata in famiglia, almeno fino a quando la 63enne viene “rapinata” da una scrofa di nome Ginger! La belva ha puntato e afferrato coi denti un dito con tutto l’anello su cui era incastonato un diamante.

La scrofa è forse orafa? Voleva forse valutarlo? Anne lo sa bene quanto costa: 1.500 sterline… 1.750 euri!

A nulla è valso provare a resistere all’attacco, visto che quando la donna si è liberata la gemma era già stata inghiottita da Ginger!

“Ma porca di quella porca” pare abbia dichiarato Anne al fattore… anzi, “Porca di quella scrofa!”

Stefano Chiarazzo

Comunicatore di impresa, formatore e consulente aziendale, blogger. Da 12 anni cura le pubbliche relazioni di grandi marche per una multinazionale del largo consumo. Nel 2011 ha avviato l’Osservatorio Social Vip, che studia i personaggi famosi italiani sui social media come fenomeno di comunicazione e di costume. I dati di popolarità su Facebook, Twitter e Instagram di più di 1000 celebrità dello spettacolo, dello sport, del giornalismo e della politica sono ripresi periodicamente dai media. Nel 2013 ha lanciato il Social Radio Lab, spazio di informazione, ricerca e condivisione sull’evoluzione della comunicazione radiofonica in collaborazione con le maggiori radio nazionali, le web radio di Spreaker e grandi manifestazioni come Festival del Giornalismo, Social Media Week e Festival delle Generazioni. Collabora con Wired e insegna marketing e comunicazione presso vari Master tra cui la Business School de Il Sole 24 Ore.

You may also like...

Lascia un commento