Usi la chat come agenzia matrimoniale? Il rischio è non sapere chi hai dall’altra parte

Dalla nascita di internet le chat sono sempre state uno dei “luoghi” d’incontro per eccellenza per chi vuole trovare l’anima gemella o è banalmente in cerca di sesso.

Il rischio è evidente. Su internet è facile inventarsi nuove identità o fingersi qualcun altro. Chi può dire che stiamo davvero chattando con una bella ragazza russa di 25 anni? E, poi, siamo sicuri che sia veramente una donna???

“Ah, ma io sono furbo. La faccio collegare in webcam!”. Neanche questo ti mette al sicuro caro furbetto!

Su You Tube ho pescato tre video che mostrano come beccarsi una sòla sia altamente probabile! Anche sui social network…

SIAMO SICURI DI SAPERE CHI ABBIAMO DI FRONTE?
Spot pubblicitario, censurato in Italia, del sito di incontri “
Alò Alò. La linea più corta tra due persone“.

[youtube=http://www.youtube.com/watch?v=uhc5N9anKiA]

CON LA WEBCAM SIAMO DAVVERO PIU’ SICURI?
Altro video che gira su internet ormai da più di tre anni!

[youtube=http://www.youtube.com/watch?v=iqNCKr-N_pU]

MA NON E’ CHE SI SPACCIA PER QUALCUN ALTRO?
Video divertente che fa’ parte di un progetto serio, Sicurezza in rete 7×24, campagna nazionale di sensibilizzazione per la protezione e la sicurezza online.

[youtube=http://www.youtube.com/watch?v=rrJqYAcYfO4]

Insomma ragazzi e ragazze, state in campana!

Stefano Chiarazzo

Comunicatore di impresa, formatore e consulente aziendale, blogger. Da 12 anni cura le pubbliche relazioni di grandi marche per una multinazionale del largo consumo. Nel 2011 ha avviato l’Osservatorio Social Vip, che studia i personaggi famosi italiani sui social media come fenomeno di comunicazione e di costume. I dati di popolarità su Facebook, Twitter e Instagram di più di 1000 celebrità dello spettacolo, dello sport, del giornalismo e della politica sono ripresi periodicamente dai media. Nel 2013 ha lanciato il Social Radio Lab, spazio di informazione, ricerca e condivisione sull’evoluzione della comunicazione radiofonica in collaborazione con le maggiori radio nazionali, le web radio di Spreaker e grandi manifestazioni come Festival del Giornalismo, Social Media Week e Festival delle Generazioni. Collabora con Wired e insegna marketing e comunicazione presso vari Master tra cui la Business School de Il Sole 24 Ore.

You may also like...

Lascia un commento