Rimborsopoli 2004. Da qualche giorno in rete un’inchiesta di una TV tedesca su Giorgio Napolitano

“Il più pulito c’ha la rogna!”. Pare proprio sia stato e sia così in questa “Itaglietta” e, mi pare di capire, in questa “Europeetta”!

Da quando nel 2004 il socialdemocratico austriaco Hans-Peter Martin ha iniziato a denunciare i benefici di cui godono gli europarlamentari – vedi il gettone quotidiano di 262 euro di diaria anche nei giorni senza sedute a Strasburgo e Bruxelles – ogni tanto saltano fuori scheletri dagli armadi. Anche dai più insospettabili.

Qualche giorno fa’ l’associazione per la tutela dei consumatori Generazione Attiva ha caricato su You Tube un video mai trasmesso né diffuso in Italia che ha come protagonista l’attuale Presidente della Repubblica Italiana Giorgio Napolitano.

Lunedì 15 marzo Napolitano, l’allora presidente della Commissione affari costituzionali del Parlamento europeo, viene braccato da una troupe della rete televisiva tedesca RTL all’aeroporto di Bruxelles, appena sbarcato da un volo low cost della Virgin Express.

Ecco in soldoni il succo del discorso: “Per il volo di sola andata da Roma a Bruxelles, Napolitano riceve un rimborso di circa 800 euro. La sera prima abbiamo guardato su Internet quanto costava quel volo: il prezzo, incluse tasse aeroportuali, era meno di 90 euro. Tirate le somme, il parlamentare con un solo volo ha avuto un guadagno netto superiore a 700 euro, soldi che entrano puliti nelle sue tasche“.

Secondo Hans-Peter Martin alcuni europarlamentari riuscivano a raggranellare fino a 20-40mila euro all’anno. Moltiplicatelo per il numero di europarlamentari… E io pago!

[youtube=http://www.youtube.com/watch?v=8L-e5Cvm-wQ]

Stefano Chiarazzo

Comunicatore di impresa, formatore e consulente aziendale, blogger. Da 12 anni cura le pubbliche relazioni di grandi marche per una multinazionale del largo consumo. Nel 2011 ha avviato l’Osservatorio Social Vip, che studia i personaggi famosi italiani sui social media come fenomeno di comunicazione e di costume. I dati di popolarità su Facebook, Twitter e Instagram di più di 1000 celebrità dello spettacolo, dello sport, del giornalismo e della politica sono ripresi periodicamente dai media. Nel 2013 ha lanciato il Social Radio Lab, spazio di informazione, ricerca e condivisione sull’evoluzione della comunicazione radiofonica in collaborazione con le maggiori radio nazionali, le web radio di Spreaker e grandi manifestazioni come Festival del Giornalismo, Social Media Week e Festival delle Generazioni. Collabora con Wired e insegna marketing e comunicazione presso vari Master tra cui la Business School de Il Sole 24 Ore.

You may also like...

Lascia un commento