Matrimonio. Perchè aspettare la fine della cerimonia prima di scrivere su Facebook e Twitter?

I social media mi affascinano moltissimo, per la loro capacità di rendere liberi e schiavi al tempo stesso.

Leggete un po’ il racconto di Dana Hanna, un promesso sposo talmente Facebook e Twitter dipendente da non poter aspettare la fine della cerimonia per aggiornare il suo profilo!

“Ho molti parenti sparsi per la nazione e tutti usiamo molto Facebook per tenerci in contatto. Per questo quando Tracy ed io siamo diventati marito e moglie erano in attesa che noi aggiornassimo lo status. Ho sorpreso non solo gli ospiti ma anche Tracy tirando fuori il mio telefono e scrivendo un post su Facebook e Twitter direttamente dall’altare. Avevo già pronto il cellulare di Tracy nella mia tasca, quindi appena me l’ha chiesto gliel’ho passato. Nessuno era al corrente di questa mia idea a parte il pastore e me.”

Ecco il tweet di Dana e il video della cerimonia con tanto di colpo di scena!

Stefano Chiarazzo

Comunicatore di impresa, formatore e consulente aziendale, blogger. Da 12 anni cura le pubbliche relazioni di grandi marche per una multinazionale del largo consumo. Nel 2011 ha avviato l’Osservatorio Social Vip, che studia i personaggi famosi italiani sui social media come fenomeno di comunicazione e di costume. I dati di popolarità su Facebook, Twitter e Instagram di più di 1000 celebrità dello spettacolo, dello sport, del giornalismo e della politica sono ripresi periodicamente dai media. Nel 2013 ha lanciato il Social Radio Lab, spazio di informazione, ricerca e condivisione sull’evoluzione della comunicazione radiofonica in collaborazione con le maggiori radio nazionali, le web radio di Spreaker e grandi manifestazioni come Festival del Giornalismo, Social Media Week e Festival delle Generazioni. Collabora con Wired e insegna marketing e comunicazione presso vari Master tra cui la Business School de Il Sole 24 Ore.

You may also like...

Lascia un commento