Piccoli furti con finali molto diversi. La fortuna non aiuta sempre gli audaci!

Come ci insegna Lupin, un bravo ladro dev’essere scaltro, audace ma avere anche un bel po’ di fortuna.

Non è andata bene ad un uomo che nei 4 anni di lavoro come supervisore delle macchinette a gettoni di alcuni bagni pubblici a Skegness (Lincolnshire, Gran Bretagna), a fine giornata, si è intascato tutti i soldi.

A colpi di monetine da 20 pence è riuscito a racimolare 18.400 sterline, circa 21.000 euro! Scoperto, e’ stato condannato a 40 settimane di reclusione.

E’ andata meglio ad un borseggiatore francese che, senza saperlo, ha fatto il colpaccio della sua vita derubando la figlia del sindaco di Kiev, Kristina Tchernovetskaia.

Accostandosi alla macchina della donna, che con il suo autista si stava recando all’aeroporto di Roissy, ha prelevato dalla portiera la borsetta della donna ed è fuggito nel traffico.

Sarà stato piacevolmente colpito, aperta la borsa, di scoprirne il contenuto: collane, orecchini e anelli per un valore di 4 milioni e mezzo di euro!

Se questo post ti è piaciuto diventa fan su Facebook di Pubblico Delirio.it!

Stefano Chiarazzo

Comunicatore di impresa, formatore e consulente aziendale, blogger. Da 12 anni cura le pubbliche relazioni di grandi marche per una multinazionale del largo consumo. Nel 2011 ha avviato l’Osservatorio Social Vip, che studia i personaggi famosi italiani sui social media come fenomeno di comunicazione e di costume. I dati di popolarità su Facebook, Twitter e Instagram di più di 1000 celebrità dello spettacolo, dello sport, del giornalismo e della politica sono ripresi periodicamente dai media. Nel 2013 ha lanciato il Social Radio Lab, spazio di informazione, ricerca e condivisione sull’evoluzione della comunicazione radiofonica in collaborazione con le maggiori radio nazionali, le web radio di Spreaker e grandi manifestazioni come Festival del Giornalismo, Social Media Week e Festival delle Generazioni. Collabora con Wired e insegna marketing e comunicazione presso vari Master tra cui la Business School de Il Sole 24 Ore.

You may also like...

Lascia un commento