Silvio Berlusconi è He-Man, l’uomo più forte dell’universo!

Povero Berlusca, tutti che lo prendono in giro. Incredibile il numero di menti creative che si cimenta in video satirici “fatti in casa” che lo ritraggono nelle situazioni e nei ruoli più disparati.

Grazie alla segnalazione de l’envoyé spécial Massi posso proporvi questa esilarante versione della sigla di “He-Man e i dominatori dell’universo“, cartone con cui molti di voi sono cresciuti.

Ebbene, sappiatelo. Siete cresciuti senza avere la minima idea del disegno subliminale dietro un cartone apparentemente innocuo, finalmente svelato dall’autore su YouTube: “Il nostro glorioso Premier considera i bambini le speranze del paese, ma per fare in modo che queste non si perdano, devono essere seguite fino dai primi anni, occorre dare loro punti di riferimento, figure eroiche di cui emulare le gesta……serve un eroe puro e coraggioso…..come solo lui sa essere….”. Mi sa che a qualcuno è passata la voglia di paternità!

[youtube=http://www.youtube.com/watch?v=dUVBkujnXuU]

Se questo post ti è piaciuto diventa fan su Facebook di Pubblico Delirio.it!

Stefano Chiarazzo

Comunicatore di impresa, formatore e consulente aziendale, blogger. Da 12 anni cura le pubbliche relazioni di grandi marche per una multinazionale del largo consumo. Nel 2011 ha avviato l’Osservatorio Social Vip, che studia i personaggi famosi italiani sui social media come fenomeno di comunicazione e di costume. I dati di popolarità su Facebook, Twitter e Instagram di più di 1000 celebrità dello spettacolo, dello sport, del giornalismo e della politica sono ripresi periodicamente dai media. Nel 2013 ha lanciato il Social Radio Lab, spazio di informazione, ricerca e condivisione sull’evoluzione della comunicazione radiofonica in collaborazione con le maggiori radio nazionali, le web radio di Spreaker e grandi manifestazioni come Festival del Giornalismo, Social Media Week e Festival delle Generazioni. Collabora con Wired e insegna marketing e comunicazione presso vari Master tra cui la Business School de Il Sole 24 Ore.

You may also like...

Lascia un commento