Remi Gaillard. Mettila dove vuoi e frega tutti, pure Chirac!

Rémi Gaillard è un pazzo. Riesce a fare scherzi e creare situazioni assurde infiltrandosi un po’ ovunque. Suo habitat naturale gli eventi sportivi.

In Francia il grande pubblico l’ha conosciuto nel 2002, quando dopo la finale della Coupe de France si è finto giocatore del Lorient, la squadra campione, festeggiando la vittoria e ricevendo il saluto del presidente Jacques Chirac.

[youtube=http://www.youtube.com/watch?v=LKbUOeMuvtk]

Da lì è stato un susseguirsi di bricconate, raccolte nel suo canale You Tube. Eccone alcune davvero spassose!

METTILA DOVE VUOI
Parodia degli spot Nike
, con un Gaillard dalle incredibili capacità balistiche. Lancia il pallone ovunque, facendo sempre gol!

[youtube=http://www.youtube.com/watch?v=DdAOZg12tOE]

ELEZIONE DI “MISTER UNIVERSE” 2002
Indovinate un pò chi c’è tra i concorrenti?

[youtube=http://www.youtube.com/watch?v=KXsY2r1_9C0]

IL DECATHLON DI GAILLARD
In assoluto il suo video che preferisco!

http://dailymotion.virgilio.it/swf/video/x2gbho

Se questo post ti è piaciuto diventa fan su Facebook di Pubblico Delirio.it!

Stefano Chiarazzo

Comunicatore di impresa, formatore e consulente aziendale, blogger. Da 12 anni cura le pubbliche relazioni di grandi marche per una multinazionale del largo consumo. Nel 2011 ha avviato l’Osservatorio Social Vip, che studia i personaggi famosi italiani sui social media come fenomeno di comunicazione e di costume. I dati di popolarità su Facebook, Twitter e Instagram di più di 1000 celebrità dello spettacolo, dello sport, del giornalismo e della politica sono ripresi periodicamente dai media. Nel 2013 ha lanciato il Social Radio Lab, spazio di informazione, ricerca e condivisione sull’evoluzione della comunicazione radiofonica in collaborazione con le maggiori radio nazionali, le web radio di Spreaker e grandi manifestazioni come Festival del Giornalismo, Social Media Week e Festival delle Generazioni. Collabora con Wired e insegna marketing e comunicazione presso vari Master tra cui la Business School de Il Sole 24 Ore.

You may also like...

Lascia un commento