Marzo 2010. Le storie più strane passano da Facebook e Twitter

Attenzione! I social network stanno diventando una droga. Secondo uno studio della californiana Retrevo sono sempre più persone non riescono a fare a meno di Facebook e Twitter. Il 48% degli americani controlla e aggiorna il profilo anche dopo essere andato a dormire mentre il 28% di chi possiede un iPhone prima di alzarsi dal letto. Per il 53%, comunque, è il primo pensiero del mattino. E ci sarebbe addirittura chi chatta durante i rapporti sessuali!

Quest’ultimo assurdo dato sarebbe confermato da una ricerca elaborata da Akuel Skyn su un campione di giovani tra i 19 e 30 anni in Francia, Ungheria, Italia, Polonia e Gran Bretagna. Gli europei, italiani inclusi, farebbero le cose più disparate mentre fanno l’amore: guardare la TV (27% degli italiani), parlare al telefono (13%), cucinare (7%), leggere libri (5%), pulire casa (5%) e navigare su internet (9% degli italiani). Il 6% degli italiani aggiorna Facebook e l’1% Twitter. Chissà, magari per raccontare cosa stanno facendo!

Insomma i social network stanno diventando una vera e propria malattia, anche tra i giovanissimi. In Gran Bretagna ha aperto da poco la Capio Nightingale Hospital, una clinica per “dipendenti dai computer” con più di 12 anni. Tantissime le telefonate dei genitori che raccontano attacchi di rabbia dei figli quando tentano di spegnergli il PC. Paura!

Questo scenario “apocalittico” spiega perfettamente le notizie strane che in quest’ultimo mese hanno attraversato i social network.

CON FACEBOOK QUADRUPLICANO I CASI DI SIFILIDE
Inghilterra – Per il responsabile dell’NHS di Teesside, Peter Kelly, esiste un collegamento fra il crescente utilizzo di Facebook e la preoccupante impennata dei casi di sifilide: “La sifilide è una malattia devastante. Chiunque ha rapporti sessuali non protetti con partner occasionali è ad alto rischio. I casi che ci troviamo a trattare sono quadruplicati e il virus colpisce in particolare le donne giovani. Ho notato che molti dei pazienti avevano incontrato partner occasionali attraverso internet“. Facebook ha commentato l’allarme affermando che gli utenti dovrebbero prendere “precauzioni” e stare attenti quando incontrano qualcuno, specie se conosciuto online.

CAMERIERA LICENZIATA VIA FACEBOOK
Manchester (UK) – Una cameriera 16enne di un locale, rea di aver perso un’ordinazione di 9€ perche’ si era assentata per prendere dei biscotti da dare allo staff, è stata avvertita di essere stata licenziata con un messaggio via Facebook della sua datrice di lavoro: “Da domani non venire più”. Lei ha risposto con un lapidario “Va bene”. Comodo così…

ARRESTATO HACKER FRANCESE CHE HA VIOLATO L’ACCOUNT TWITTER DI BARACK OBAMA
Puy-de-Dome (Francia) – Un hacker 25enne meglio conosciuto nella rete come Hacker-croll, aveva trovato il modo di intrufolarsi su Twitter come amministratore della community e creare/eliminare profili, sfidando anche celebrità come Britney Spears.
Dal 2009 era ricercato dalla polizia francese e dall’FBI per aver violato l’account del Presidente degli Stati Uniti Barack Obama, giusto per il gusto di farlo! Non aveva infatti compiuto alcuna azione, fuorchè vantarsi su un blog e rilasciare interviste. La sua baldanza l’ha portato dritto dritto tra le braccia degli inquirenti!

PERICOLOSO LATITANTE ARRESTATO GRAZIE A FACEBOOK
Capo Rizzuto – Il 33enne boss della ‘ndrangheta Pasquale Manfredi e’ stato arrestato dalla Squadra Mobile di Crotone grazie a Facebook, dove aveva aperto un profilo con il nickname Scarface. Per collegarsi usava una chiavetta che ha permesso di rintracciarlo e arrestarlo.

DEMI MOORE EVITA DUE SUICIDI FICCANASANDO SU TWITTER
Per la seconda volta Demi Moore ha impedito ad una persona di togliersi la vita, grazie a Twitter! La prima suicida voleva togliersi la vita con un coltello da cucina. Leggendo il suo update l’attrice aveva chiamato la polizia salvandole la vita. Ora ha impedito che il 18enne Jeremy Lynch si impiccasse ad un albero davanti alla sua casa di Casselberry (Florida). Stava parlando con Nia Vardalos, protagonista de “Il mio grosso, grasso matrimonio greco”, quando hanno letto il suo messaggio. La Vardalos ha chiamato un centro di Los Angeles specializzato nella prevenzione dei suicidi che ha raggiunto il ragazzo, salvandolo.

Stefano Chiarazzo

Comunicatore di impresa, formatore e consulente aziendale, blogger. Da 12 anni cura le pubbliche relazioni di grandi marche per una multinazionale del largo consumo. Nel 2011 ha avviato l’Osservatorio Social Vip, che studia i personaggi famosi italiani sui social media come fenomeno di comunicazione e di costume. I dati di popolarità su Facebook, Twitter e Instagram di più di 1000 celebrità dello spettacolo, dello sport, del giornalismo e della politica sono ripresi periodicamente dai media. Nel 2013 ha lanciato il Social Radio Lab, spazio di informazione, ricerca e condivisione sull’evoluzione della comunicazione radiofonica in collaborazione con le maggiori radio nazionali, le web radio di Spreaker e grandi manifestazioni come Festival del Giornalismo, Social Media Week e Festival delle Generazioni. Collabora con Wired e insegna marketing e comunicazione presso vari Master tra cui la Business School de Il Sole 24 Ore.

You may also like...

Lascia un commento