Julia Vorobjova, la donna a raggi X. Dopo aver salvato i potenti della Terra rischia di morire di stenti

Il 3 marzo 1978 venne colpita da una scarica da 380 volt mentre lavorava in miniera guidando una gru. Fu subito dichiarato il decesso, ma in obitorio alcuni studenti di medicina le amputarono l’alluce, accorgendosi che era ancora viva.

Dopo un anno di coma si è risvegliata e ha scoperto di riuscire a vedere attraverso i corpi delle persone, individuando malattie presenti o future: “Accanto a me, nel reparto di traumatologia, c’era un’altra donna. Un giorno sono venuti a visitarla i suoi parenti. Dopo la loro partenza, sono scoppiata a piangere, gridando: ‘Presto ci sarà un funerale’. E non riuscivo a capacitarmi del perché dicessi una frase del genere. Il giorno dopo è morto il padre di questa donna. Appena sono uscita dall’ospedale e mi sono guardata intorno, c’è mancato poco che mi prendesse un colpo: vedevo attraverso i corpi di tutti i passanti”. Questo il suo racconto al quotidiano russo “MK”.

Da allora Julia Vorobjova ha lavorato per il “Dipartimento 90”, sezione del KGB – servizi segreti russi – che si occupa di scienza e ricerca. Negli anni ha “scansionato” esponenti politici e religiosi del calibro di Boris Eltsin, Mikhail Gorbaciov, Francois Mitterand e persino Papa Giovanni Paolo II.

Ma mentre lei ha la vista lunga, i potenti della Terra hanno la memoria corta. Oggi Julia ha infatti 70 anni, è malata e nonostante il servizio prestato alla Madre Russia non può godere di una pensione dignitosa e assistenza sanitaria. Per ora inutili i suoi appelli sui giornali.

“Un tempo, dopo ogni articolo che mi riguardava davanti al mio ingresso c’era la fila. Sono arrivati da tutto il mondo! La polizia proteggeva l’ingresso. Gli scienziati che mi hanno visitato, hanno sostenuto che mentre facevo lo screening di un uomo, tutti i miei organi si bloccavano e funzionavano solo il cervello e il cuore. A furia di cercare le malattie degli altri, da un giorno all’altro mi sono ammalata anch’io. Un istituto scientifico ha sottolineato che dopo la scansione ai raggi X di una mia paziente, per otto ore avevo tutte le articolazioni abbondantemente irrorate di sangue. Ma noi sappiamo che la maggior parte delle nostre malattie sono causate da disturbi circolatori. Secondo gli scienziati ho radiazioni elettromagnetiche dell’intervallo di un millimetro. Vedo qualcosa che gli ultrasuoni non riescono a mostrare”.

Se questo post ti è piaciuto diventa fan su Facebook di Pubblico Delirio.it!

Stefano Chiarazzo

Comunicatore di impresa, formatore e consulente aziendale, blogger. Da 12 anni cura le pubbliche relazioni di grandi marche per una multinazionale del largo consumo. Nel 2011 ha avviato l’Osservatorio Social Vip, che studia i personaggi famosi italiani sui social media come fenomeno di comunicazione e di costume. I dati di popolarità su Facebook, Twitter e Instagram di più di 1000 celebrità dello spettacolo, dello sport, del giornalismo e della politica sono ripresi periodicamente dai media. Nel 2013 ha lanciato il Social Radio Lab, spazio di informazione, ricerca e condivisione sull’evoluzione della comunicazione radiofonica in collaborazione con le maggiori radio nazionali, le web radio di Spreaker e grandi manifestazioni come Festival del Giornalismo, Social Media Week e Festival delle Generazioni. Collabora con Wired e insegna marketing e comunicazione presso vari Master tra cui la Business School de Il Sole 24 Ore.

You may also like...

Lascia un commento