K-Strass. Si presenta come campione di Yo-Yo ma è una pippa. In poche ore frega 6 telegiornali del Wisconsin

Sto tizio è un genio! In un solo giorno è riuscito a uccellare ben sei telegiornali del Wisconsin (Stati Uniti). Presentandosi come un fenomeno dello Yo-Yo Kenny Strasser, in arte K-Strass, si è poi mostrato per quello che è: una bufala colossale.

Geniale il suo copione che coinvolge i conduttori creando aspettativa nel pubblico da casa. Dopo aver raccontato la sua visione filosofica dello Yo-Yo sparando cose a caso, racconta di come gira le scuole per ispirare i bambini grazie a questo gioco così coinvolgente. Infine promette di far vedere fantastici trucchi in anteprima.

Peccato però che quando arriva al dunque offre uno show davvero desolante di fronte al basito presentatore, che in alcuni casi arriva addirittura a consolarlo imputando i suoi errori all’emozione.

Tutti i video sono stati caricati su You Tube. Ecco il più visto, dove il “fuoriclasse” dello Yo-Yo ci mostra la sua arma segreta: “The Blue Flying Angel” (l’angelo blu volante). Buona visione.

[youtube=http://www.youtube.com/watch?v=DBzWHudBoiA]

Se questo post ti è piaciuto diventa fan su Facebook di Pubblico Delirio.it!

Stefano Chiarazzo

Comunicatore di impresa, formatore e consulente aziendale, blogger. Da 12 anni cura le pubbliche relazioni di grandi marche per una multinazionale del largo consumo. Nel 2011 ha avviato l’Osservatorio Social Vip, che studia i personaggi famosi italiani sui social media come fenomeno di comunicazione e di costume. I dati di popolarità su Facebook, Twitter e Instagram di più di 1000 celebrità dello spettacolo, dello sport, del giornalismo e della politica sono ripresi periodicamente dai media. Nel 2013 ha lanciato il Social Radio Lab, spazio di informazione, ricerca e condivisione sull’evoluzione della comunicazione radiofonica in collaborazione con le maggiori radio nazionali, le web radio di Spreaker e grandi manifestazioni come Festival del Giornalismo, Social Media Week e Festival delle Generazioni. Collabora con Wired e insegna marketing e comunicazione presso vari Master tra cui la Business School de Il Sole 24 Ore.

You may also like...

Lascia un commento