Olanda-Spagna. Pronostici, scaramanzia e proposte indecenti infiammano la finale mondiale

I Mondiali stanno per volgere al termine. Eliminata la nostra Nazionale non ci resta che dividerci tra chi tifa Olanda o Spagna, entrambe simpatiche perchè non hanno mai vinto.

L’Olanda dopo aver passato il turno ha avuto il permesso dal suo CT di ricevere mogli e fidanzate in albergo come ai tempi di Johan Cruijff. Lo stesso Cruijff è molto negativo sulla vittoria degli Orange ma il suo pronostico appare parecchio scaramantico.

Sembra dargli ragione il polpo Paul che finora ha azzeccato – inclusa l’eliminazione della sua Germania – tutte le previsioni e si è già sbilanciato in favore della rappresentativa spagnola.

Non ci sta Bobbi Eden, 30enne pornostar nata all’Aja, che ha promesso ai suoi fan su Twitter che se l’Olanda vincerà i Mondiali farà sesso orale a tutti! E ha chiesto aiuto a un gruppo di colleghe. Si, perchè dopo il suo annuncio i follower sono saliti da 22.000 a quasi 95.000. Almeno per ora.

Insomma la Spagna sembra avere una marcia in più. Ed è stracarica. Guardate un pò cosa hanno combinato i giocatori iberici, che hanno disturbato così l’intervista a Schweinsteiger nel dopopartita della semifinale.

[youtube=http://www.youtube.com/watch?v=kfenYGa6RX8]

Comunque andrà la partita una cosa è sicura. Per un po’ non sentiremo più le fastidiosissime vuvuzelas! Se anche voi le avete odiate buttate un’occhio al video seguente, dove una fastidiosa trombetta viene triturata dal potentissimo frullatore della Blendtec, serial killer ufficiale di tuti modelli iPhone! “Will it blend?”

[youtube=http://www.youtube.com/watch?v=-KHFA6ZuFTE]

Se questo post ti è piaciuto diventa fan su Facebook di Pubblico Delirio.it!

Stefano Chiarazzo

Comunicatore di impresa, formatore e consulente aziendale, blogger. Da 12 anni cura le pubbliche relazioni di grandi marche per una multinazionale del largo consumo. Nel 2011 ha avviato l’Osservatorio Social Vip, che studia i personaggi famosi italiani sui social media come fenomeno di comunicazione e di costume. I dati di popolarità su Facebook, Twitter e Instagram di più di 1000 celebrità dello spettacolo, dello sport, del giornalismo e della politica sono ripresi periodicamente dai media. Nel 2013 ha lanciato il Social Radio Lab, spazio di informazione, ricerca e condivisione sull’evoluzione della comunicazione radiofonica in collaborazione con le maggiori radio nazionali, le web radio di Spreaker e grandi manifestazioni come Festival del Giornalismo, Social Media Week e Festival delle Generazioni. Collabora con Wired e insegna marketing e comunicazione presso vari Master tra cui la Business School de Il Sole 24 Ore.

You may also like...

Lascia un commento