Madre uccisa nel 2002 gli rivela in sogno il nome del killer. Carabinieri riaprono le indagini

Gli ingredienti di questa storia sono: un omicidio, un appartamento buio, un sogno, una sensitiva. Mescolandoli si ottiene un fatto di cronaca che in questi giorni  a Genova, e non solo, ha fatto scalpore.

(Il fantasma del)La vittima

L’11 settembre di otto anni fa Veronica Mair, una anziana signora di 73 anni, venne trovata morta strangolata sul letto del suo buio appartamento di un carruggio in via del Campo 9 a Genova, poco dopo cena. A rendere particolarmente brutale il crimine, segni di morsi rivenuti sul cadavere. L’omicidio è rimasto irrisolto anche se non archiviato dalle forze dell’ordine.

Aldo Santoro, il manovale figlio della vittima, non si è mai rassegnato del fatto che la madre non potesse ottenere giustizia, e neanche che all’inizio delle indagini fosse lui stesso sospettato di essere l’autore del delitto, forse a causa dei suoi precedenti per droga. Ma finalmente, un giorno, la rivelazione: gli appare in sogno la madre che gli confessa il nome dell’assassino, un noto commerciante genovese.

La veridicità del sogno sarebbe avvalorata anche da una sensitiva da cui Aldo si è recato prima di andare dai carabinieri, per avere chiarezza sulla sconcertante rivelazione, la quale ha confermato di essere entrata in contatto con la vittima attraverso una seduta spiritica.

Fatto sta che le forze dell’ordine hanno ripreso le indagini e effettuato degli accertamenti sull’impronta genetica della saliva lasciata dal killer sulla scena del crimine. Si profila dunque la possibilità di un riscontro con il dna prelevato dall’uomo indicato in sogno dalla madre defunta.

Secondo il suo avvocato, Aldo “Non vuol parlare con nessuno, anzi è piuttosto seccato del fatto che siano uscite notizie”. I carabinieri intanto smentiscono che in questa macabra vicenda sia coinvolta una veggente.

Questa storia è la dimostrazione pratica che il famoso proverbio “Chi muore tace, chi vive si dà pace” non sempre corrisponde alla realtà!

Fonti: Il Messaggero, Repubblica Genova

Se questo post ti è piaciuto diventa fan su Facebook di Pubblico Delirio.it!

You may also like...

Lascia un commento