Anna Chapman. La 007 con licenza di sedurre posa senza veli per Maxim

Anna Chapman sulla copertina di Maxim Russia

Lo scorso luglio l’FBI aveva smantellato una rete di spie russe rispendendole in patria in cambio di quattro agenti americani detenuti in Russia. Tra i dieci espulsi la bellissima Anna Kushenko “in arte” Anna Chapman.

Soprannominata in patria “Anna la Rossa”, “Anna la bella” e “Agente 90-60-90”, Anna è diventata immediatamente un sex symbol tanto da ricevere una proposta dalla casa cinematografica porno Vivid di Los Angeles. Dopo essersi spogliata per la rivista Heat, la 007 russa ha posato – con tanto di pistola! – per un servizio iper-sexy che apparirà domani sull’edizione russa della rivista maschile Maxim. Ecco in un video l’antecipazione del backstage.

Nell’intervista si leggerà: “Anna Chapman ha fatto di più per eccitare il patriottismo russo dell’intera nazionale di calcio“. E la 28enne “con licenza di sedurre” ha colpito anche il Cremlino tanto da meritarsi la più alta onorificienza russa dal presidente Dmitrij Medvedev.

Se questo post ti è piaciuto diventa fan su Facebook di Pubblico Delirio.it!

Stefano Chiarazzo

Comunicatore di impresa, formatore e consulente aziendale, blogger. Da 12 anni cura le pubbliche relazioni di grandi marche per una multinazionale del largo consumo. Nel 2011 ha avviato l’Osservatorio Social Vip, che studia i personaggi famosi italiani sui social media come fenomeno di comunicazione e di costume. I dati di popolarità su Facebook, Twitter e Instagram di più di 1000 celebrità dello spettacolo, dello sport, del giornalismo e della politica sono ripresi periodicamente dai media. Nel 2013 ha lanciato il Social Radio Lab, spazio di informazione, ricerca e condivisione sull’evoluzione della comunicazione radiofonica in collaborazione con le maggiori radio nazionali, le web radio di Spreaker e grandi manifestazioni come Festival del Giornalismo, Social Media Week e Festival delle Generazioni. Collabora con Wired e insegna marketing e comunicazione presso vari Master tra cui la Business School de Il Sole 24 Ore.

You may also like...

Lascia un commento