Furti e rapine finiti male. Se non sei portato lascia perdere!

Di furti e rapine ne accadono a bizzeffe ogni giorno nel mondo. In alcuni casi le prestazioni “non proprio professionali” dei protagonisti le rendono degne dei migliori film comici.

Come nel caso di un uomo che nel Montana (Stati Uniti) rapina una banca e per fuggire… chiama un taxi! Prima chiede a James Anderson, il tassista, di portarlo al Campus dell’Università, poi cambia idea. Prima compra le sigarette, poi si fa accompagnare ad un hotel. Troppa calma però. Giunto a destinazione paga 5 dollari ad Anderson (anche se la corsa ne costa 7.50!) mentre la polizia circonda l’auto e lo arresta. Davvero un genio!

Ugualmente geniale un tizio che a Manchester (Regno Unito) rapina un bookmaker. Fa tutto bene: entra senza farsi riconoscere con tanto di cappuccio in testa, minaccia con immediata reazione dello spaventato impiegato che gli ha consegnato una borsa piena di soldi, si gira ed esce. Peccato però che si toglie il cappuccio proprio di fronte alla telecamera di sicurezza! Dopo la pubblicazione della sua foto su un quotidiano locale e di questo video su YouTube l’uomo viene individuato ed arrestato. Che dire…

Se questo post ti è piaciuto diventa fan su Facebook di Pubblico Delirio.it!

Stefano Chiarazzo

Comunicatore di impresa, formatore e consulente aziendale, blogger. Da 12 anni cura le pubbliche relazioni di grandi marche per una multinazionale del largo consumo. Nel 2011 ha avviato l’Osservatorio Social Vip, che studia i personaggi famosi italiani sui social media come fenomeno di comunicazione e di costume. I dati di popolarità su Facebook, Twitter e Instagram di più di 1000 celebrità dello spettacolo, dello sport, del giornalismo e della politica sono ripresi periodicamente dai media. Nel 2013 ha lanciato il Social Radio Lab, spazio di informazione, ricerca e condivisione sull’evoluzione della comunicazione radiofonica in collaborazione con le maggiori radio nazionali, le web radio di Spreaker e grandi manifestazioni come Festival del Giornalismo, Social Media Week e Festival delle Generazioni. Collabora con Wired e insegna marketing e comunicazione presso vari Master tra cui la Business School de Il Sole 24 Ore.

You may also like...

Lascia un commento