Scarica gratis l’e-book “Pubblico Delirio. Le storie più incredibili e i video più divertenti del 2010″

Dieci giorni fa’ questo blog ha festeggiato i suoi primi due anni di vita!

Per celebrare questa felice ricorrenza ho voluto raccogliere in un breve e-book le notizie più strane, le storie più incredibili e i video più divertenti del 2010.

Puoi rivedere le performance assurde delle celebrità della rete. O rileggere storie incredibili, curiosità e stranezze di ogni tipo, gossip piccanti sui VIP. E ovviamente… le notizie hot di sesso matto!

Puoi scaricarlo gratis cliccando sul pulsante qui sotto. Ti chiedo in cambio una piccola ricompensa: un tweet o uno share su Facebook! Basta poco, checcevò? 🙂

L’e-book “Pubblico Delirio. Le storie più incredibili e i video più divertenti del 2010” è rilasciato in licenza Creative Commons. Puoi farci ciò che vuoi. Innanzi tutto leggerlo, che già non sarebbe male!

Poi puoi cestinarlo (ma non sarebbe carino…), condividerlo, utilizzarlo in parte o interamente. Basta però che non sia per fini di lucro, e che inserisci una citazione a questo blog.

Buona lettura!

Stefano Chiarazzo

Comunicatore di impresa, formatore e consulente aziendale, blogger. Da 12 anni cura le pubbliche relazioni di grandi marche per una multinazionale del largo consumo. Nel 2011 ha avviato l’Osservatorio Social Vip, che studia i personaggi famosi italiani sui social media come fenomeno di comunicazione e di costume. I dati di popolarità su Facebook, Twitter e Instagram di più di 1000 celebrità dello spettacolo, dello sport, del giornalismo e della politica sono ripresi periodicamente dai media. Nel 2013 ha lanciato il Social Radio Lab, spazio di informazione, ricerca e condivisione sull’evoluzione della comunicazione radiofonica in collaborazione con le maggiori radio nazionali, le web radio di Spreaker e grandi manifestazioni come Festival del Giornalismo, Social Media Week e Festival delle Generazioni. Collabora con Wired e insegna marketing e comunicazione presso vari Master tra cui la Business School de Il Sole 24 Ore.

You may also like...

Lascia un commento