Star dello spettacolo su Twitter. Numeri italiani e internazionali a confronto

Mi sono divertito a confrontare il numero di follower delle top 10 star internazionali e dei primi dieci twitvip italiani. La differenza non può che essere abissale.

I motivi possono essere tanti, i più importanti ritengo siano tre:
1. popolarità dell’artista: globale per i primi, aiutati anche online dall’utilizzo della lingua inglese, vs. nazionale dei secondi;
2. utilizzo di Twitter: massiccio in Paesi trainanti come gli Stati Uniti, molto basso in Italia dove gli user hanno superato da poco i 2 milioni;
3. recentissima esplosione del fenomeno in Italia.

E’ facilmente spiegabile dunque che Lady Gaga, Justin Bieber e Katy Perry abbiano rispettivamente 17, 15 e 13 milioni di follower, mentre i seguaci di Laura Pausini, Jovanotti e Fiorello si aggirino mediamente intorno ai 310.000!

Per le considerazioni di cui sopra terrò d’occhio in particolare nostri artisti apprezzati anche all’estero come la stessa Pausini, Andrea Bocelli e, anche se più di nicchia, Benny Benassi. Tutti e tre, chi più e chi meno, twittano anche in inglese: chissà, magari in futuro li vedremo salire nella classifica mondiale!

Vuoi inserire l’infografica sul tuo blog? Copia il codice qui sotto:

Stefano Chiarazzo

Comunicatore di impresa, formatore e consulente aziendale, blogger. Da 12 anni cura le pubbliche relazioni di grandi marche per una multinazionale del largo consumo. Nel 2011 ha avviato l’Osservatorio Social Vip, che studia i personaggi famosi italiani sui social media come fenomeno di comunicazione e di costume. I dati di popolarità su Facebook, Twitter e Instagram di più di 1000 celebrità dello spettacolo, dello sport, del giornalismo e della politica sono ripresi periodicamente dai media. Nel 2013 ha lanciato il Social Radio Lab, spazio di informazione, ricerca e condivisione sull’evoluzione della comunicazione radiofonica in collaborazione con le maggiori radio nazionali, le web radio di Spreaker e grandi manifestazioni come Festival del Giornalismo, Social Media Week e Festival delle Generazioni. Collabora con Wired e insegna marketing e comunicazione presso vari Master tra cui la Business School de Il Sole 24 Ore.

You may also like...

Lascia un commento